Salute

Attenzione papà! Gli alimenti ricchi di grassi e zuccheri influenzano lo sviluppo cognitivo dei bambini

 


 Attenzione papà! Alimenti ricchi di grassi e zuccheri influenzano lo sviluppo cognitivo dei bambini

Ci sono molti fattori che preoccupano i genitori quando il loro bambino entra in classe, e tutti sono legati alla consegna degli strumenti, in modo che possano avere il meglio rendimento scolastico e quindi garantire un futuro di buon auspicio nel campo accademico.

Tuttavia, un fattore che non è preso in considerazione e che è fondamentale per un adeguato sviluppo cognitivo dei bambini, è una dieta sana e attività fisica. Entrambi dovrebbero rappresentare una delle preoccupazioni prioritarie, non solo perché i tassi di obesità continuano ad aumentare nel nostro paese e le politiche pubbliche non sono state sufficienti a fermare questo male tra la popolazione infantile, ma perché ci sono prove crescenti per mostrare l’effetto negativo di stili di vita malsani, sul rendimento scolastico.

Mentre la dieta occidentale e lo stile di vita sedentario si sono stabiliti in tutte le società, l’interesse ha cominciato a crescere nel sapere come consumare grassi saturi e zuccheri raffinati e l’inattività fisica interferiscono nei processi fisiologici da cui dipende la formazione della memoria e della capacità di apprendimento.

Una raccolta di prove fatte dai ricercatori dell’Istituto di nutrizione e tecnologia alimentare dell’Università del Cile, INTA , chiamato “L’impatto della nutrizione e dell’attività fisica e funzione cognitiva iva e prestazioni accademiche “, mostra come l’assunzione eccessiva di carboidrati raffinati e acidi grassi saturi sia stata collegata a prestazioni accademiche peggiori in tutte le fasce d’età, compresi bambini e adolescenti.

” Questi macronutrienti, che di solito fanno parte di della dieta darebbe molti bambini, indebolendo la plasticità sinaptica e la neurogenesi in strutture fondamentali del cervello, come l’ippocampo e la corteccia prefrontale mediale, alterando i processi di apprendimento e memoria. Inoltre, l’esposizione ad alimenti ad alta densità energetica riduce i livelli ippocampali del fattore neurotrofico derivato dal cervello (FNDC), una proteina essenziale per la sopravvivenza, la crescita e la differenziazione dei neuroni “, spiega l’accademico INTA Raquel Burrows. 19659004] “Gli studi condotti in diversi paesi concordano sul fatto che l’impatto di una dieta non salutare sulle abilità cognitive è cumulativo e rimane nel tempo, confermando che le pratiche alimentari non salutari nei primi 24 mesi di vita hanno un’associazione positiva e duraturo con il QI valutato durante l’infanzia e l’adolescenza “, aggiunge lo specialista.

Dieta e prestazioni accademiche

Il documento rivela anche come la dieta stia avendo effetti diretti sulle prestazioni nelle scuole. L’esposizione permanente a grassi saturi e zuccheri semplici ha un effetto prolungato sulla memoria e sulle funzioni di apprendimento e prima o poi questo interferirà con la capacità dei bambini e degli adolescenti di esibirsi a scuola.

“Un’altra verifica che gli studi hanno fatto Analizzando la relazione tra alimentazione e rendimento scolastico, sono stati in grado di dimostrare che il consumo regolare di cibo spazzatura durante l’infanzia e l’infanzia ha un impatto negativo sulle prestazioni nei test standardizzati che vengono applicati nel sistema educativo britannico in preadolescenza e adolescenza. che rafforza l’idea di un effetto a lungo termine della nutrizione sulle capacità cognitive e mette in relazione anche l’apporto alimentare e il rendimento scolastico negli studenti islandesi di 1 ° e 2 ° grado, dove hanno osservato che le prestazioni in lingua, matematica e lingue straniere era direttamente associato alle abitudini alimentari. ”

Cosa succede con il Bambini cileni

In Cile, sottolinea questa raccolta, ci sono studi che mostrano che i bambini delle scuole che consumano alimenti non salutari nella raccolta, hanno una performance inferiore in Matematica e Lingua rispetto agli studenti che mangiano spuntini sani. Indipendentemente dal sesso, dal livello socioeconomico, dallo stato nutrizionale e dal livello di eccellenza accademica della scuola, lo spuntino malsano ha ridotto significativamente la performance accademica nei test SIMCE, applicati in 4 ° e 8 ° grado. Il consumo di cibi malsani al momento dello spuntino è molto diffuso tra gli studenti cileni. Un altro studio nazionale e retrospettivo che ha valutato la qualità della dieta negli adolescenti cileni di livello socio-economico medio-basso e basso, ha anche confermato che esiste una relazione positiva tra la qualità della dieta a 16 anni e il voto medio dopo la laurea dall’insegnamento media, indipendentemente dallo stato nutrizionale, dal sesso e dal livello di istruzione della madre. Lo stesso potrebbe essere osservato prima dell’esibizione nel test di selezione universitaria (PSU) di Matematica e Lingua. In questi stessi adolescenti è stato anche osservato che la qualità nutrizionale della merenda è positivamente correlata alla propensione a finire la scuola superiore e a sostenere gli esami di ammissione all’università.

Con questo documento, INTA rivela una realtà che colpisce buona parte della popolazione infantile e giovanile del Cile, confermando che negli alunni cileni esiste anche un’associazione tra la qualità della dieta e la prestazione accademica degli scolari.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *